Acufene

<svg id="curveUpColor" xmlns="http://www.w3.org/2000/svg" version="1.1" width="100%" height="100" style="position:absolute; padding-top:0; padding-bottom: 10px; margin-top:0; top:0px; fill:url(#linear)" viewBox="0 0 100 100" preserveAspectRatio="none"><!-- [et_pb_line_break_holder] --> <defs><!-- [et_pb_line_break_holder] --> <linearGradient id="linear" x1="0%" y1="0%" x2="100%" y2="0%"><!-- [et_pb_line_break_holder] --> <stop offset="0%" stop-color="#FFC837"></stop><!-- [et_pb_line_break_holder] --> <stop offset="100%" stop-color="#FF8008"></stop><!-- [et_pb_line_break_holder] --> </linearGradient><!-- [et_pb_line_break_holder] --> </defs><!-- [et_pb_line_break_holder] --><path d="M0 0 C 50 100 80 100 100 0 Z"></path></svg><!-- [et_pb_line_break_holder] --> <!-- [et_pb_line_break_holder] -->

Che cos’è?

Col termine acufene ( o tinnito ) si tende ad indicare  la percezione di suoni o rumori ( ma non di voci) negli orecchi o nella testa senza che vi sia un rumore esterno. Di questo disturbo ne soffrono circa 17% della popolazione indipendentemente dall’età, estrazione sociale e livello culturale. Per molte persone gli acufeni sono causa di sofferenza, in altre si accompagnano a depressione, ansia; spesso possono disturbare il sonno e sembrano aumentare quando il rumore di sottofondo diminuisce. Normalmente si distinguono due tipi di acufeni: l’acufene oggettivo ed il soggettivo.

L’acufene oggettivo è raro ed è determinato da un suono che si genera all’interno del corpo. Generalmente è causato da anomalie vascolari che determinano l’insorgenza di un flusso ematico turbolento che attraverso il tessuto osseo viene trasmesso all’orecchio. Tale acufene spesso è pulsante, sincrono con l’attività cardiaca e può essere espressione di una malformazioni artero-venosa, quali tumori glomici o aneurismi. In altri casi si associa a un disturbo dell’articolazione temporo-mandibolare, a una contrazione spontanea dei muscoli dell’orecchio medio, a un mioclono palatale o a una disfunzione della una tuba di Eustachio che fa passare il suono dal rinofaringe all’interno dell’orecchio medio. Talvolta tale suono può essere udito anche dal Medico Specialista.

L’acufene soggettivo è più comune e rappresenta una percezione personale di un suono in assenza di un qualsiasi rumore reale e pertanto non può essere percepito all’esterno. Varia molto nei singoli individui per frequenza e intensità ed è molto sensibile nelle situazioni di stress, o di sforzo fisico. Di solito viene facilmente mascherato dagli altri suoni e pertanto viene percepito soprattutto la notte quando c’è silenzio. Quando l’acufene è severo spesso si associa a ipersensibilità ai rumori (iperacusia) e alcuni suoni possono essere percepiti distorti e fastidiosi.

Le cause

Le cause dell’acufene soggettivo sono molto varie e comprendono l’esposizione a rumori anche non particolarmente intensi per lunghi periodi, come anche l’esposizione brevissima a rumori molto forti. Frequentissimo è l’acufene in corso di idrope endolinfatica o di otosclerosi e molto spesso è il primo sintomo a manifestarsi nel neurinoma del nervo acustico. Molti farmaci possono indurre acufene: i più noti sono l’aspirina e gli antibiotici aminoglicosidi. Altre sostanze che possono causare l’acufene sono la caffeina e l’alcool. L’acufene causato da agenti farmacologici si ritiene possa essere in alcuni casi reversibile con la sospensione del farmaco che l’ha generato. I meccanismi con cui queste sostanze inducono l’acufene non è certo, ma si ritiene che ci sia un effetto degenerativo a livello delle cellule della coclea. La terapia dell’acufene è molto complessa e comprende tecniche di mascheramento, terapia medica o chirurgica, stimolazione elettrica o tecniche alternative come il biofeedback. La maggior parte dei trattamenti tradizionali porta a significativi miglioramenti in un ridotta percentuale di persone ed a volte per limitati periodi. Attualmente si è indirizzati verso la terapia cognitivo comportamentale che è l’acquisizione di una serie di tecniche di autocontrollo per poter raggiungere un livello di consapevolezza affinché gli acufeni che continuano ad essere presenti non rappresentano un problema.

<svg id="curveUpColor" xmlns="http://www.w3.org/2000/svg" version="1.1" width="100%" height="100" style="position:absolute; padding-bottom:o; margin-bottom:0; fill: #0d3b66; stroke: #0d3b66; bottom:0px;" viewBox="0 0 100 100" preserveAspectRatio="none"><path d="M0 100 C 20 0 50 0 100 100 Z"></path></svg>


Dott. Tiziano Guadagnin

Laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Firenze
Specialista in Otorinolaringoiatria presso l’Università di Padova
Specialista in Foniatria presso l’Università di Padova
Master di II livello in Otoneurologia presso l’Università di Siena
P.Iva: 00720050269 - C.F.: GDGTZN52B07L407B
Ordine dei Medici di Treviso n° 1798

Contattami

(*) I tuoi dati verranno trattati e utilizzati esclusivamente per fornirti le informazioni che mi richiederai nel messaggio, nel pieno rispetto delle norme della privacy GDPR (Regolamento UE 2016/679). La tua mail non verrà ceduta a nessuno, ma utilizzata esclusivamente per risponderti.

9 + 4 =

CENTRO di MEDICINA – San Donà di Piave (VE) - Giovedì pomeriggio – ( 0421.222221 – fax: 0421.222552)

CENTRO di MEDICINA – Villorba (TV) - Martedì e Venerdì pomeriggio – ( 0422.698111 – fax: 0422.698150)